Wikipedia

Risultati di ricerca

martedì 28 novembre 2017

Biscottini di Natale

Adesso il Natale è proprio vicino, si sente anche nel aria.. Come ogni anno dobbiamo pensare ai regali.. Togliendo quelli che si regalano alle persone care dove sappiamo più o meno dove andare a parare, ci sono anche i cosiddetti "pensierini". Qualcosa di piccolo ma carino che non sia il solito panettone ...
Io da anni preparo i biscottini di Natale che hanno una lunghissima tradizione nella Repubblica ceca come anche in Austria e Germania. Penso però che per quanto riguarda la quantità e varietà non ci batte nessuno!
Personalmente avrò visto almeno 500 ricette per i biscottini e ogni anno preparo circa 10 kg per almeno 15-20 tipi. La maggior parte se ne va come regalo di Natale, ai nostri amici e parenti, ai colleghi di lavoro, alle vicine do casa...e tante persone care che conosco.
Ve ne propongo alcuni quelli più semplici da fare. Basta comprare l'occorrente e qualche formina, armarsi di un po' di tempo e pazienza e vedrete che soddisfazione!
*************************************************************************
Pasta frolla friabile per biscotti
400 gr di farina 00
50 gr di amido di mais
150 gr di zucchero (in parte a velo)
220 gr tra burro e margarina
50 grammi di strutto
3 tuorli d'uovo ( se le uova sono piccole usare 4 tuorli)
un pizzico di sale
2 cucchiai di rum oppure brandy o grappa
buccia grattugiata di un limone bio e un po' di succo
vanillina
mezzo cucchiaino da caffè di lievito in polvere (facoltativo)
zucchero a velo, cioccolata per decorare
***********************************************************************
Questa frolla è il risultato di varie ricette provate e aggiustate e mi sembra finalmente di aver trovato un equilibrio giusto tra il sapore e consistenza. Dolce al punto giusto e finalmente friabile come deve essere. Bisogna però osservare scrupolosamente alcune regole :
- tutti gli ingredienti devono essere freddi dal frigorifero e lavorati in un luogo non troppo caldo più velocemente possibile
- lo strutto va usato proprio per dare la friabilità al impasto
- si può omettere il liquore ma al posto suo non va usato nessun altro liquido
Preparatevi tutto l'occorrente perché bisognerà lavorare in fretta.
Pesate la farina che mescolerete con amido di mais, il sale, la vanillina e il lievito (se lo userete), lo zucchero preparate in un altro recipiente, sbattete i tuorli e teneteli da parte, il burro etc.è meglio togliere dal frigo al ultimo momento quindi pesatelo prima.
Versate la farina in una capiente ciotola  e tagliate dentro i grassi a pezzetti. Prima con il coltello e poi con le dita fate delle briciole e solo dopo aggiungete lo zucchero, mescolate velocemente, poi la buccia di limone, i tuorli sbattuti, rum se viene usato e sistemate l'impasto in una palla senza lavorarlo troppo. Praticamente viene solo messo insieme perché una lavorazione lunga lo renderebbe più duro. Non preoccupatevi se il grasso non si scioglie e rimangono visibili i pezzettini - si sciolgono durante la cottura.
Come dice il suo nome, la pasta frolla deve frollare - quindi mettete l'impasto cosparso con un po' di farina in una ciotola, coprite con la pellicola e lasciate riposare in frigorifero - più riposa meglio è, anche tutta la notte.   
Togliete dal frigorifero un pezzo alla volta e spianate l'impasto al altezza di 3-4 mm circa. Potete usare due fogli di carta da forno oppure un foglio di silicone così si lavora meglio. Con le formine tagliate i biscotti che preferite - classici occhi di bue, stelline, cuoricini etc. Se non avete le formine basta anche un bicchiere o il tagliapasta per ravioli per esempio. Fate cuocere in forno non troppo alto (170° circa) per 12 - 15 minuti usando la carta da forno. Regolatevi comunque a vista, non devono scurirsi ma solo colorarsi leggermente. Fate raffreddare fuori dalla teglia, io li metto sopra una griglia facendo scivolare la carta con i biscotti sopra. Poi spalmate di marmellata, nutella e mettete due insieme oppure lasciate così, solo cosparsi di zucchero.
Potete anche sciogliere a bagnomaria i pezzetti di cioccolato con un po' di panna e decorare i biscotti secondo la vostra fantasia. 
Se volete i biscotti al cacao sostituite 3 - 4 cucchiai di farina con il cacao in polvere.
Potete preparare l'impasto anche subito e surgelare poi toglietelo e fatelo scongelare in frigorifero pian piano...Buon divertimento!    



giovedì 16 novembre 2017

Angioletti all'uncinetto

Sembra ancora lontano Natale...ma se volete fare qualcosa di carino con le vostre mani bisogna cominciare a pensarci!
Con tutte le cose che dobbiamo sbrigare il tempo da dedicare ai lavoretti a mano si restringono a poche ore. Comunque vi posso assicurare che sono molto rilassanti e poi si possono anche regalare.
Io faccio gli addobbi all'uncinetto già da diversi anni ho tanti schemi a disposizione (anche di stelline e campanelline) e se volete provarci anche voi basta chiedermelo nei commenti.
  Per ora vi faccio vedere gli angioletti più semplici che si lavorano tutti in un pezzo, poi vanno inamidati (personalmente mi trovo meglio con la colla Vinavil diluita ) e poi messi su un supporto tipo campanelline di polistirolo rivestite con la pellicola alimentare. Per tenere su la parte superiore metto nelle maniche un rullino fatto sempre di pellicola oppure un piccolo bigodino sempre rivestito. Per una tenuta maggiore è consigliabile ripassare angioletti con un velo di colla con l'aiuto di un pennellino. Uso il filo di grandezza media (50 gr = 350 m circa) con il filo più fino il lavoro non tiene bene la forma e con quello più grosso mi sembra meno bello.
Comunque se siete interessati scrivetemi pure per ulteriori chiarimenti!








 





 


martedì 31 ottobre 2017

Torta zebrata (Koláč zebra)

Per fare questo dolce potete usare qualsiasi ricetta per le ciambelle o torte importante che sia un impasto chiaro perché una metà si dovrà colorare con il cacao.
Io ho usato una ricetta senza uova né burro con lo yogurt bianco ma potete usare anche quello senza lattosio o vegano e il dolce si può offrire anche a chi è intollerante a certi alimenti oppure segue una dieta vegana. Di sicuro è abbastanza scenografico eppure molto semplice. L'unica "noia" se così si può chiamare è dover dividere l'impasto in due ciotole....
*************************************************************************
INGREDIENTI
1 bicchierino di yogurt bianco
3 bicchierini di farina
1 bustina di lievito per dolci vanigliato
2 bicchieri di zucchero
1 bicchiere di olio di semi
1/2 bicchiere di latte (latte di mandorla o acqua per chi non ama il latte)
un pizzico di sale
2 cucchiai da minestra colmi di cacao in polvere
si può aggiungere anche un po' di buccia d'arancia grattugiata  
***********************************************************************
Per questo tipo di dolci ho sempre pronto qualche bicchiere dello yogurt lavato e asciugato... In una ciotola capiente setacciate la farina con lievito e sale. Mescolate lo yogurt con lo zucchero, olio e latte eventualmente aggiungete la buccia d'arancia.
Versate un po' alla volta nella miscela di farina e mescolate sempre finché non otterrete una pastella liscia e senza grumi. Poi dividete in due parti e in una setacciate il cacao e mescolate bene, aggiungete uno, due cucchiai di latte se vi sembra troppo densa.
Imburrate e infarinate uno stampo da 24 cm tondo. Si comincia a fare la "zebra" :-))
Nel mezzo versate  con un cucchiaio o un piccolo mestolo l'impasto chiaro. Con un altro cucchiaio versate sopra l'impasto scuro, poi un altra cucchiaiata di quello chiaro, poi di nuovo scuro ...etc.etc. Continuate fino ad esaurimento di tutti e due impasti.  
Fate cuocere nel forno ventilato a 170° per circa 25 - 30 minuti comunque usate sempre lo stecchino per verificare - se esce asciutto il dolce è pronto!
Fate raffreddare un poco, sfornate e fate raffreddare completamente meglio se sopra una griglia. Poi cospargete con lo zucchero a velo. Il dolce al taglio si presenterà "zebrato". BUON APPETITO!
 

I dolcetti "fazzolettini" con la ricotta

Molti dolci a Praga e in tutta la Repubblica ceca sono fatti con la pasta lievitata. Che siano le ciambelle, focaccine o dolci fagottini con vari ripieni - ricotta, marmellata, noci e altro. 
Per oggi ho preparato dei piccoli dolcetti chiamati "fazzolettini" per il modo in quale vengono chiusi a fagottino. Si tratta di un impasto con il lievito di birra che però non necessita di una lunga lievitazione accorciando così notevolmente i tempi di preparazione. Inoltre rimangono morbidi per qualche giorno soprattutto se conservati in una scatola di latta.
Ho usato il più classico dei ripieni, alla ricotta, alla  quale si possono aggiungere l'uvetta o gocce di cioccolata.
*************************************************************************
INGREDIENTI:
300 gr di farina 00
200 gr di burro (ho usato circa metà burro e metà margarina)
15 - 20 gr di lievito di birra fresco ( circa 2/3 del cubetto da 25grammi)
30 gr di zucchero a velo
1 uovo
un pizzico di sale
qualche cucchiaio di latte tiepido
un uovo sbattuto
Per il ripieno:
300 gr di ricotta
1 uovo
un pizzico di sale
zucchero q.b. (circa 4 - 5 cucchiai)
3 - 4 cucchiai di uvetta ammollata ( oppure circa 50 gr di gocce di cioccolato )
Per le briciole:
5 cucchiai di farina
3 cucchiai di zucchero
2 cucchiai di burro
************************************************************************
Per prima cosa sciogliere il burro sul fuoco molto basso o meglio a bagnomaria  e lasciare intiepidire. Setacciare la farina con il sale, mettere in una ciotola capiente e fare una cavità nel mezzo. Sbriciolare il lievito, scioglierlo nel latte tiepido e versare nella cavità, mescolare con un po' di farina per avere una specie di pappa.  
Nel burro tiepido rompere l'uovo e sbatterlo bene, e aggiungere un po' alla volta nella farina con lievito aiutandosi con un mestolo. Fare l'impasto e poi lavorare con le mani - se è appiccicoso aggiungere un po' di farina. Mettere in frigorifero e nel frattempo preparare la farcitura :
Lavorare con le fruste il rosso d'uovo e lo zucchero, un pizzico di sale e mettere un po' alla volta la ricotta. Montare il bianco d'uovo a neve ferma e aggiungere alla crema di ricotta facendo attenzione a non smontarlo. Poi aggiungere anche le gocce di cioccolato oppure l'uvetta precedentemente ammollata nel acqua tiepida e strizzata.
Prepariamo anche le briciole che andranno sopra i dolcetti. Nella farina tagliuzzare il burro freddo a pezzetti e con le mani fare le piccole briciole, poi aggiungere anche lo zucchero e rimescolare. In una tazza sbattere l'uovo (magari con un cucchiaio di latte) che servirà per spennellare i fagottini. 
Togliere l'impasto dal frigo, spianare con il mattarello e tagliare  a quadretti di 5 - 6 cm per lato. Su ognuno mettere un cucchiaio di ripieno, tirare leggermente gli angoli e incrociarli per chiudere i fagottini. Posizionare sulla teglia rivestita con la carta da forno, spennellare con l'uovo sbattuto e cospargere con le briciole. Cuocere nel forno preriscaldato a 180° finché non diventano dorati (circa 15 - 20 minuti). Far raffreddare su una griglia e poi cospargere con lo zucchero a velo. BUON APPETITO!

         
 

venerdì 13 ottobre 2017

Insalata di patate (Insalata russa)

Insalata di patate (Bramborový salát) è in Italia conosciuta come "insalata russa" ma forse sarebbe più appropriato chiamarla "insalata ceca) data la popolarità e varietà delle insalate simili che si trovano nel mio paese. In ogni negozio di alimentari che vende anche i prodotti freschi potete gustare anche direttamente sul posto le insalate di patate, con prosciutto cotto, con le uova sode, verdure varie etc. Tutto condito con la maionese che però non deve essere troppo abbondante per non coprire il gusto dei ingredienti base come ho invece spesso riscontrato nel insalata russa "all'italiana".
Alla base di tutte le insalate c'è proprio l'insalata di patate che in origine si componeva solo di patate e carote lesse condite con un po' di cipolla e maionese. Poi ci sono state come spesso succede vari "aggiustamenti" secondo i gusti personali e la più popolare oggi è quella con l'aggiunta anche di piselli, cetriolini, sedano e un cucchiaino di senape. A chi piace può osare anche un uovo sodo a pezzetti. Anche il sedano va aggiunto secondo i gusti, non sempre piace a tutti, comunque va usato con parsimonia altrimenti copre troppo altri ingredienti. Si usa preferibilmente il "sedano di Verona" che troverete durante il periodo invernale fino a primavera in tutti i supermercati.
E adesso la ricetta:
**********************************************************************
INGREDIENTI:
500 gr di patate
100 gr di carote
50 gr di sedano di Verona (se piace)
100 gr di pisellini 
70 gr di cetriolini (meglio se in salamoia agrodolce)  
1 cipollina fresca piccola
1 cucchiaino di senape tipo Dijon
3 - 4 cucchiai da minestra di maionese
sale, pepe, un cucchiaio di aceto bianco
***********************************************************************
Cuocere le patate con la buccia finché non risultano morbide - usate le patate all'incirca della stessa misura. Provate se sono cotte con uno stecchino - devono essere morbide dentro ma non stracotte che si spaccano. Tagliate a cubetti piccoli la carota e sedano se vi piace, altrimenti non usatelo proprio. Cuocete nel acqua salata con un cucchiaio di aceto circa 10 - 15 minuti - devono essere morbidi ma non sfatti.
Quando le patate si sono raffreddate spelatele e tagliate a pezzetti piccoli. Mescolate insieme alle carote (sedano) e aggiungete i pisellini (io ho usato quelli in scatola cotti al vapore), cetriolini a pezzetti, cipollina tagliata molto finemente, salate e pepate.
Adesso il condimento: per semplificare le cose ho mescolato la maionese con un cucchiaino di senape e un cucchiaio grande di salamoia dei cetriolini.
Versate tutto nelle verdure e girate delicatamente. Se vi piace, potete aggiungere anche un uovo sodo - o tagliato a pezzetti e mescolato con le verdure oppure usare come guarnizione messo sopra l'insalata con qualche ciuffo di maionese...
Inoltre ci stanno bene anche i cubetti di prosciutto cotto o tagliato a listarelle...come preferite. E' consigliabile un riposo nel frigorifero per almeno un'oretta e comunque dà il meglio di sé il giorno dopo :-))
Nei ristoranti di Praga e tutto il resto del paese si serve spesso con una cotoletta impanata e fa parte indiscussa del menù di Natale! In ogni famiglia si prepara secondo i propri gusti e ognuno ha la sua ricetta personale. 
Vi consiglio di provare perché è veramente un piatto molto gustoso e neanche molto calorico. BUON APPETITO!  

lunedì 9 ottobre 2017

Pollo alla paprica e panna

Le salse sono una vera specialità della cucina cèca - ce ne sono a decine per ogni tipo di carne, con o senza verdure, chiare o scure, speziate e non... Di solito richiedono una cottura prolungata tipo quella descritta nella ricetta del gulasch. Dipende dal tipo di carne e addensamento - di solito si usa un po' di farina oppure dalla quantità di verdure là dov'è  prevista. Ovviamente la carne di manzo  deve cuocere molto di più che la carne di pollo. Le salse richiedono anche un contorno come per esempio il riso, le patate bollite, arrosto o fritte, canederli, gnocchi o purè di patate e anche la pasta corta. Si mescola un po' di contorno con la salsa, si taglia un pezzetto di carne e in bocca si sentono tutti i sapori che si sono sprigionati durante la cottura..
Per oggi ho scelto una delle ricette più classiche e semplici - pollo alla paprica e panna.
***********************************************************************
INGREDIENTI per 4 persone:
1 pollo di 1 kg circa 
1 cipolla bianca
30 gr di burro
30 gr di farina 00
200 ml di panna da cucina
circa 1/2 l di brodo
1 cucchiaio di paprica dolce
sale, pepe, olio
Contorno a scelta - io ho usato il riso bollito (o riso pilaf) vanno bene anche le patate bollite o gnocchi di patate, canederli
***********************************************************************
Tagliate a pezzi il pollo lavato e asciugato, eventualmente togliete anche la pelle (non a tutti piace perché non si tratta del pollo arrosto con una pelle bella croccante :-) salate e pepate. Per fare prima si può usare solo il petto (circa 700 gr) però la carne rimane più asciutta.
Con qualche osso e ritagli di pollo, un po' di verdure (carota, sedano) potete preparare il brodo che vi servirà dopo.
Fate un soffritto con la cipolla tagliata a pezzetti piccoli e poco olio. Quando comincia dorarsi leggermente aggiungete la paprica, mescolate e diluite subito con un po' di brodo caldo - la paprica tende a bruciarsi e  diventerebbe amara.
Poi mettete dentro i pezzi di pollo rigirandoli bene nel soffritto, versate un paio di mestoli del brodo, coprite con il coperchio e fate stufare girandola di tanto in tanto aggiungendo un poco di brodo se si asciugasse troppo.   
Quando diventa morbida (dopo circa 30 - 40 minuti) toglietela dalla pentola e mettete da parte. Sciogliete il burro in una padellina e aggiungete un po' alla volta la farina. Mescolate continuamente sul fuoco basso finché non diventa una specie di cremina ( lo stesso procedimento si usa anche per fare la besciamella ) facendo attenzione che non scurisca. Fuori dal fuoco diluitela con poco brodo e versate tutto nella pentola dove avete cotto la carne. Mescolate ben bene aiutandosi anche con la frusta se necessario perché non si formino i grumi e poi diluite con il resto del brodo - dovete avere una salsa piuttosto liquida che si addenserà durante la cottura. Cuocetela sul fuoco basso per circa 30 minuti mescolando ogni tanto, poi aggiungete la panna e i pezzi di pollo, fate scaldare per qualche minuto e servite subito con un contorno di vostro gradimento.
BUON APPETITO!
 

domenica 1 ottobre 2017

I cornetti alla panna

I cornetti che vi propongo oggi sono fatti con un impasto semplice preparato con la farina, panna, un uovo e burro - non sono grassi come potrebbe sembrare (io comunque uso metà burro e metà margarina vegetale) e sono senza zucchero quindi si prestano bene sia per i ripieni dolci che per quelli salati. L'impasto si lavora molto bene, basta farlo riposare nel frigo per almeno mezz'ora.
E' possibile anche surgelarlo e usare quando serve. Bisogna però avere l'accortezza di scongelarlo piano nel frigorifero quindi spostarlo dal freezer la sera prima!
************************************************************************
INGREDIENTI:
400 gr di farina
200 gr di burro oppure 100 gr di burro e 100 gr di margarina vegetale
250 ml di panna liquida
1/2 cucchiaino da thè di sale
1 uovo
1 uovo sbattuto per spennellare i cornetti
semi vari per i cornetti salati
zucchero a velo per i cornetti dolci
***********************************************************************
In un recipiente mettere la farina con sale e il burro freddo tagliato a pezzetti. Con le dita sbriciolare velocemente e poi  mescolando aggiungere la panna nella quale avete sbattuto un uovo. Fare un impasto liscio e lasciare riposare in frigorifero.
Nel frattempo preparate i ripieni - per i cornetti dolci vanno benissimo le marmellate (non troppo liquide), la ricotta lavorata con un po' di zucchero alla quale si possono aggiungere le gocce di cioccolata oppure l'uvetta ammollata e strizzata oppure la nutella...
Per i ripieni salati vi potete sbizzarrire - ricotta o stracchino mescolati con la salsiccia, prosciutto e formaggio tipo fontina, ricotta con il parmigiano e spinaci etc.
Togliete l'impasto dal frigorifero e dividetelo in 4 parti. Di ognuna fate una pallina  a con il mattarello preparate un cerchio che poi va diviso in 8 spicchi - triangoli.
Sulla parte più larga mettere un cucchiaino di ripieno, piegare e sigillare intorno, poi arrotolare per fare un cornetto e richiudere bene perché il ripieno non fuoriesca. 
Sbattere un uovo con un poco di latte o acqua e spennellare ogni cornetto. 
Quelli salati potete guarnire con i semi di sesamo, papavero o zucca come preferite. 
Quelli dolci si cospargono con lo zucchero a velo quando sono cotti e raffreddati. 
Si cuociono in forno preriscaldato a 170° circa fino alla doratura. 
Sono ottimi anche per il buffet come "finger food " - uno tira l'altro!